29 Aprile 2015 10:23:03 · [Bufala WhatsApp]
Postato da
ImmagineDa un po' di tempo gira una bufala che è davvero odiosa, credo che sia stata messa in giro per far scappare gli utenti di WhatsApp verso altre piattaforme di messaggistica. Non trovo altra spiegazione. La concorrenza in questo settore è serrata e si ricorre ad ogni espediente pur di avvicinare utenti di altre piattaforme. A me ha dato molto fastidio perché di botto mi sono ritrovato il BlackBerry pieno di messaggi identici mandati da ingenui utilizzatori di WhatsApp che si sono affrettati a spedirmi il fantomatico messaggio bufala. Ecco cosa mi sono trovato scritto su WhatsApp: "Salve, siamo Andy e Jonh, i direttori di WhatsApp. Qualche mese fa vi abbiamo avvertito che da quest'estate WhatsApp non sarebbe stato più gratuito; noi facciamo sempre ciò che diciamo, infatti, le comunichiamo che da oggi WhatsApp avrà il costo di 1 euro al mese. Se vuole continuare ad utilizzare il suo account gratuitamente invii questo messaggio a 20 contatti nella sua rubrica, se lo farà, le arriverà un sms dal numero: 123#57 e le comunicheranno che WhatsApp per LEI è gratis!!! GRAZIE... e se non ci credete controllate voi stessi sul nostro sito (www.whatsapp.com). ARRIVEDERCI. PS: quando lo farai la luce diventerà blu (se non lo manderai l'agenzia di WhatsApp ti attiverà il costo)." Come avrete capito è una bufala e anche molto fastidiosa per non dire odiosa. Ho ricevuto, sia io, sia mia sorella, gli stessi identici messaggi e non abbiamo assolutamente fatto come spiegato nel messaggio, anzi io ho contattato via WhatsApp i mittenti per avvisarli che era una bufala, quindi se nei prossimi giorni/mesi riceverete un messaggio del genere state tranquilli. WhatsApp, come spiegato nelle FAQ ufficiali è gratuito per il primo anno di utilizzo, dal secondo anno in poi il canone annuale è di € 0.89 centesimi e non ci sono altre spese. Quindi penso che tutti possiate permettervi tale spesa del tutto irrisoria. Adesso che mi sono tolto questo sassolino dalla scarpa posso tornarmene a programmare. Buon proseguimento!  




Copyright © 2002-2018, Alessandro Marinuzzi