17 Novembre 2008 15:39:28 · [Eluana Englaro: omicidio "assistito"]
Postato da
ImmagineIl caso di Eluana Englaro mi ha profondamente scosso! La ragazza è infatti in stato vegetativo da 17 anni ma nulla può giustificare un assassinio... si perchè per me è tale! Per Eluana non si è detto "stacchiamo la spina" perchè Eluana respira da sola e le sue funzioni vitali sono normali e potrebbe vivere ancora a lungo con la speranza di un miracoloso risveglio e ritorno ad una vita normale. Infatti Eluana è soltanto nutrita tramite sondino e per quanto io rispetti il dolore del padre non si può ammazzare un essere umano solo perchè si è stanchi di aspettare il miracoloso risveglio! E' orrendo, crudele e spietato il piano per uccidere Eluana, vogliono togliere il sondino che la tiene nutrita per farla morire in preda a tremende agonie... si perchè "la dolce morte" come molti l'hanno chiamata è una beffa! Oltretutto si crea un pericoloso precedente... chi dovrebbe scegliere chi deve vivere e chi deve morire? Una legge? E come la legge può arrogarsi il diritto di scegliere? In base a quali parametri? Ci saranno di sicuro scienziati pronti a sfornare sentenze su questo e quel caso lì pur di sostituirsi a DIO! Perchè non pensiamo che Eluana possa svegliarsi da un momento all'altro e dire: "perchè mi state uccidendo?" Chi ha stabilito che Eluana voleva morire? Ha forse lasciato un testamento con le sue ultime volontà in cui chiedeva la morte in caso di coma vegetativo? Non si può dire: "io so che voleva morire"... troppo comodo in questo modo chiunque può uccidere un'altra persona che si trova in condizioni di salute molto precarie... sarebbe come avere la "licenza di uccidere" e non mi sembra che la nostra Costituzione la contempli! Faccio appello alla vostra intelligenza ed umanità e vi chiedo per questo di sottoscrivere la raccolta di firme per la vita di Eluana! Io, il 12 aprile 2001 (non potrò mai dimenticare questa data), ho avuto un ictus cerebrale e sono finito all'ospedale con la totalità del lato sinistro del corpo paralizzato. In pratica il lato sinistro del mio corpo era come morto. In quelle due settimane di ospedale ho visto gente che moriva soffrendo atrocemente e gente che lottava per vivere e quelle scene mi hanno straziato il cuore per sempre! La vita è un bene indisponibile! Facciamocene una ragione!




Copyright © 2002-2018, Alessandro Marinuzzi