19 Dicembre 2008 17:20:06 · [Ultimatum Alla Terra]
Postato da
ImmagineCome tutti i film di fantascienza questo non fa eccezioni... classico nella trama, energico nei contenuti. Il problema dell'ambiente è un problema più volte sottovalutato, ai giorni nostri si fa prima a nascondere i rifiuti in qualche discarica abusiva, a smaltire scorie tossiche in modi fantasiosi, si produce più elettrosmog possibile, si inquina con gas nocivi alla salute dell'uomo e del pianeta ed in poche parole ci si avvia verso l'autodistruzione. Non serve che un alieno ci distrugga perché l'uomo lo sta già facendo oltremodo bene da solo! Ci voleva un alieno per farci capire quello che ostinatamente vogliamo nascondere? Il destino dell'umanità è nelle nostre mani e lo è sempre stato però non facciamo nulla per cambiare le cose... forse ci vorrebbe davvero un alieno che ci minacci di distruzione affinché si cambi direzione! Il film, ben diretto e girato, assolve pienamente al suo compito... farci porre domande su di noi e sul nostro destino... siamo soli? siamo in via d'estinzione? ci evolveremo in qualche modo? saremo in grado di usare la tecnologia in modo non autodistruttivo? che ne sarà della specie animale? ci ammaleremo tutti? quando finirà il mondo? L'alieno voleva parlare ai rappresentanti dei vari paesi perché sapeva bene che dirlo al singolo individuo comune non ha senso poiché privo di potere decisionale... il monito è infatti diretto ai politici ed ai capi di stato perché ci conducano ad una nuova alba per il genere umano. Come tutti i moniti anche questo film sarà trattato né più né meno come un banale film di fantascienza dimenticando il valore intrinseco che porta con sé! Il politico o capo di stato è un grande illusionista... è in grado di convincerci con le sole parole che si può cambiare... non a caso cito il motto del nuovo presidente degli USA che dice: "Yes, we can!" Perché invece di fare tante parole non si passa ai fatti? Il perché è presto svelato... se fosse possibile produrre senza inquinare il costo dei beni e servizi avrebbe un prezzo abnorme e siccome un prodotto molto costoso non è vendibile, ossia non è suscettibile di profitto, si sceglie la strada più semplice ed immediata... tagliare i costi di produzione superflui (superflui è soggettivo) per portare il bene a prezzi più ragionevoli con grave nocumento però per l'ambiente in cui viviamo. Il film però ci dà qualche speranza perché se un alieno è disposto a credere nella nostra buona fede, dobbiamo ritenere che in estremis l'umanità è in grado di dare il meglio di sé... sarà vero? A me piace pensare che l'uomo vicino al baratro sappia trovare la forza di risollevarsi e di ricominciare... sarebbe stupido pensare che un uomo in punto di morte possa mentire a se stesso! Bel film! Lo consiglierei ai capi di stato di tutto il mondo. Bravissimi Keanu Reeves e Jennifer Connelly che hanno dato il meglio di sé in questo film. Sebbene il film sia un remake del '51 il tema è sempre attuale e consiglio il film a tutti!




Copyright © 2002-2018, Alessandro Marinuzzi