31 Gennaio 2011 15:03:27 · [Tra poco 40 anni...]
Postato da
I 40 anni... presto arriveranno per me... i 40 anni segnano una svolta epocale nella esistenza di ciascuno di noi... perché? Perché segnano un traguardo, un punto di arrivo, il momento di capire come si è spesa la propria vita fino ad ora... per me è un dolce traguardo perché posso fare un bilancio positivo della mia esistenza visto che sono totalmente esente da vizi di qualsiasi tipo   Nel 2001, quando ebbi l'ictus ischemico, i medici indagarono sulla mia esistenza alla ricerca di qualche comportamento a rischio ma siccome avevo passato tutta la mia vita senza vizi dovettero cercare altrove e scoprirono che sono nato con una mutazione genetica che provoca l'aggregamento delle piastrine fino a formare trombi. Così si spiega l'inspiegabile ictus avuto a soli 30 anni ed oggi posso dirmi tranquillo perché l'ictus non è stato addebitato a qualche mio comportamento a rischio e quindi non ho rimpianti perché non è stata colpa mia ma del gene difettoso o della pressione alta. Sono tranquillo perché sono cresciuto moralmente e psicologicamente e posso festeggiare i miei 40 anni senza rimpianti di alcun genere   Naturalmente prendo moltissime medicine per evitare che la pressione sali o che le piastrine facciano trombi ma se questo è il prezzo da pagare per restare vivo lo faccio volentieri. Prendersi cura di sé è molto importante... solo solo perché DIO mi ha donato la vita ed io devo rispettare questo immenso dono con gratitudine e fede. La vita è un dono! Non sprechiamola inutilmente e ringraziamo DIO per ogni nuovo giorno che ci regala   Ricordo alcune battute del film Salvate il soldato Ryan: "C'è... la mia famiglia con me oggi. Ha voluto accompagnarmi. A essere sincero con lei non sapevo che cosa avrei provato a ritornare qui. Ogni giorno penso alle parole che lei mi ha detto quel giorno sul ponte. Ho cercato di vivere la mia vita nel migliore dei modi. Spero che sia bastato. Spero che almeno ai suoi occhi... mi sia meritato quello che tutti avete fatto per me." "James... Capitano John Miller." "Dimmi che ho condotto una buona vita." "Cosa?" "Dimmi che sono un brav'uomo." "Lo sei."  




Copyright © 2002-2018, Alessandro Marinuzzi